Il tempo giusto al momento giusto

Il commento di Swimbiz: Tirando le prime somme, al termine della sessione femminile dei Criteria di Riccione.

Copyright foto: D. Montano/Deepbluemedia

Come in una grande staffetta, ai Criteria di Riccione le ragazze cedono oggi il posto in gara ai maschi. Tre giorni ‘in rosa’ dove giovani già affermate come Ilaria Cusinato (4’31”99 nei 400 misti Cadette) e Sara Franceschi – poker tra le Cadette: 100 (1’06”32) e 200 rana (2’24”59), 100 farfalla (59”91), tutti personal best, e 200 misti (2’09”13) col suo 2° miglior tempo di sempre – aumentano i giri del motore in vista degli Assoluti. Sempre a Riccione, col consueto valzer di vasca tra la corta dei Criteria, la lunga degli Assoluti e di nuovo la corta per la Coppa Brema.

Vasca corta ai Criteria significa niente primati giovanili in almanacco, ma restano i record dei campionati. Forse non un aspetto negativo, considerato che uno dei mantra federali per i giovani in crescita è abituarli a fare il tempo giusto al momento giusto della stagione. Roberta Circi, junior del Team Lombarda, colleziona tre record – 200 misti (2’11”88), 100 dorso (1’00”05, poi migliorato in staffetta mista in 59”99), 200 dorso (2’07”09). Ma il nuoto italiano è davvero trasversale. C’è ancora la Lombardia con Karen Asprissi del Team Insubrika, L’immancabile Team Veneto con, oltre alla Cusinato, Giulia Salin. L’Emilia-Romagna di Azzurra 91, con Costanza Cocconelli. E fa sentire la sua voce anche il Sud, da Erika Gaetani di Olimpica Salentina alla Campania, Time Limit, con Noemi Cesarano.

moscarella@swimbiz.it