A Kazan il primo duo misto uomo-donna. Minisini pronto, Bill May gareggia ai trials

Copyright foto: eleonora cordeschi-swimbiz

Il cambiamento annunciato, per il quale anche l’Italia si prepara da tempo. La Fina indica la prima competizione ufficiale che vedrà competere un duo misto uomo-donna: Mondiali 2015 di Kazan, con gara a esercizio libero e gara di tecnico. “Spero sia solo l’inizio, ma ci prepariamo da tempo” commenta a Swimbiz Giorgio Minisini, primo sincronetto agonista d’Italia. ‘Scoperto’ da Swimbiz nel 2011(leggi qui), Giorgio attende questo momento da una vita “Non so chi verrà scelta come mia partner di nazionale, ma non ho preferenze. Sono tutte di alto livello”. E il tempo per Kazan 2015 non è molto, vanno preparati gli esercizi per l’appuntamento, dopo aver scelto il nome “O i nomi – precisa Antonio De Pascale, consigliere Fin responsabile del synchro – non è detto che la compagna del duo tecnico sia la stessa del libero. Questa novità potrebbe darci soddisfazioni a livello di piazzamenti. Saranno valutate caratteristiche tecniche e fisiche delle ‘candidate’. Non andranno sguarnite le componenti classiche, ma per fortuna l’Italia è piena di atlete di livello sia in nazionale assoluta, sia juniores. Presto sapremo i nomi”. E le altre nazioni non stanno a guardare “In Russia si parla di Alexander Maitzev; Bill May (pioniere del synchro maschile) farà i Trials americani e, lavorando col Cirque du Soleil, non ha mai smesso di allenarsi – commenta Susanna De Angelis, madre di Minisini e allenatrice di synchro – le possibilità sono infinite. Ci sono già bozze di regolamenti a parte, come nella ginnastica. E dovremmo far promozione tra i ragazzi già ora, perché la concorrenza internazionale non è ancora forte”. Francesca Gangemi, ex azzurra e talent del synchro commenta “C’era bisogno d’innovazioni. Almeno all'inizio, terrei come compagna di Giorgio la doppista della sua squadra, l'Olgiata, perché più affiatati. I concorrenti sono forti, ma Giorgio ha un carisma che ‘lascia tutti a piedi’. Ho fatto anche ginnastica e il synchro si sta avvicinando, anche nei giudizi. Ma per vedere allenatori maschili, ci vorranno tempo ed esperienza”.
 
moscarella@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram