Addio a Shimon Peres, il Premio Nobel che credeva nel nuoto

Copyright foto: Giorgio Scala-Deepbluemedia

E' stato Presidente dello Stato d'Israele fino al 2014, ma Shimon Peres sarà sempre ricordato per il suo ruolo negli accordi di pace siglati vent'anni prima a Oslo, che gli valse anche il Premio Nobel per la pace. E al ricordo dello statista, scomparso oggi all'età di 93 anni, è legato anche il nuoto. L'incontro di due anni fa col Presidente della Ligue Européenne de Natation, Paolo Barelli, per gli Europei di nuoto in vasca corta che si sarebbero tenuti nel 2015 a Netanya. Dove il tecnico israeliano Meir Loya rimase incantato da due ragazzi azzurri, Gregorio Paltrinieri e Gabriele Detti(leggi qui). Oggi il sogno di Shimon Peres di una duratura tra Israele e Palestina sembra molto più lontano dal realizzarsi, come sfumò la volontà iniziale d'includere una delegazione palestinese a quegli Europei. Ma conservano intatto il loro valore le parole che l'ex Presidente usò per 'benedire' l'evento di Netanya, già di per sé significativo perché competizione europea organizzata in Israele Uno dei più importanti mai organizzati, volano d’interazione tra i popoli all’insegna dello sport, della pace e della democrazia”.

moscarella@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram