Benedetta di nome e di fatto: la Pilato vola super alto!

Copyright foto: swimbiz.it_Stefano Palazzo

Benedetta gioventù, di nome e di fatto. Benedetta dal destino e da un talento fuori dal comune. Benedetta, questa Pilato, che da Taranto sbraccia fino a Tokyo. Non una piccola ranocchia, ma una grande principessa, nonostante i suoi teneri 15 anni. Teneri come quelli di Federica Pellegrini che aveva solo qualche mese meno di lei quando centrò la sua prima qualificazione olimpica.
Stessa età, stessa squadra: il circolo Canottieri Aniene, fucina di campioni e garanzia di talenti e promesse. Benny e Fede: uguale (grande) amore per la fatica, identica propensione al sacrificio. Speculare precocità nella vita. Che si abbiano 15 o 30 anni poco importa. Quando si nuota nella corsia del talento, si vira sempre verso grandi ambizioni. Pilato, come Pellegrini, avrà 16 anni quando si tufferà nel sogno di Tokyo. A quell’età Fede diventò già Divina vincendo la sua prima medaglia olimpica, l’argento nei suoi 200 stile ad Atene. Era il 2004 e quella gara sarebbe stata solo la «batteria» di un carriera straordinaria. Chissà come sarebbe andata se Fede avesse respirato dall’altra parte e avesse guardato Camelia Potec che la rimontava a sinistra, dalla corsia laterale, sfilandole l’oro di un niente. Ce lo chiediamo ancora e ce lo siamo domandati oggi pomeriggio con il direttore di Swimbiz, Christian Zicche, in un’improbabile brainstorming di «fantanuoto». Questa Pilato mostruosa, che in un anno sui 100 rana è scesa di 3 secondi arrivando a 1.06.02, dove può arrivare? La baby prodigio del nuoto italiano è già in scia della statunitense Lilly King. Il record del mondo è ancora un tabù, ma forse nemmeno troppo per una come lei capace di affogare ogni primato. E nella rana, si sa, tenere sotto controllo le avversarie è più «semplice» che nello stile libero. Se Pellegrini fu penalizzata dalla respirazione laterale a destra, Pilato, nuotando a rana, può, potrebbe, più facilmente, girare la testa in tutte le direzioni per controllare le avversarie. La storia non si fa con i se e con i ma e nemmeno troppo con le tattiche. Ma ipotizzare non costa nulla. E’ presto, troppo presto per fare previsioni (o mettere eccessive pressioni). Una cosa però è certa: Benny va sempre dritta come un treno, spedita, nella sua rana molto «emersa». Anche se è una che non guarda chi ha nelle corsie vicine, ma punta sempre avanti. Dritto, con la testa che mira il muro davanti a sé. Come chi vola superalto. Solo verso cose belle.

Patrizia Nettis per Swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram