Capitani coraggiosi

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche

Il commento del direttore: Paltrinieri si propone, nella campagna elettorale per il nuovo Capitano (al maschile) dell'italnuoto. E intanto sfruguglia la stampa sulla libertà dell'acqua libera e sulla razionalizzazione dell'investimento in piscina. Come la veloce Pellegrini, che ha già le idee chiare…

Copyright foto: Ferdinando Mezzelani-Gmt

Sempre sul pezzo di rientro, Gregorio Paltrinieri. Un tocco di piastra fuori la vasca, prima della vasca. E nell’ottica di riprendersi lo scettro mediatico lasciato un po' alla corsia per la parentesi australiana, ari-eccoci con gli europei in vasca corta e riflettori che si accenderanno in settimana (oggi l’Italnuoto è partita e decollata direzione Copenhagen).

Punto primo del nostro numero uno: desiderata da Capitano coraggioso e già leader di un gruppo che non avrà certo problemi a rimpiazzare di fascia l’uscente Filippo Magnini accogliendolo come autorità, portavoce e guida di gruppo. Segno di maturità ed evidente crescita di referenzialità bordo vasca del Paltri de noantri. Che ha capito che anche i simboli e i galloni spirituali contano, oltre ai risultati in vasca. E sulla vasca parte il punto secondo dello sfruguglio giornalistico attratto dalle gare a evidente indice di incertezza. Farò anche il pesce di fondo par dire il Frecciarossa della piscina, il PaltryNemo che oltre a diversificare l’investimento lungo (i 1500 che normalmente aumenteranno di concorrenza ma ben messi in cassaforte per esperienza) vanno ben suggestionati con la libertà e il punto interrogativo dei diecimila metri delle acque più o meno libere e incasinate. Lasciando, al caso, solo al suo destino sugli 800 il gemello (di bracciata) Gabriele Detti.

Come l’azzardo sfrugugliante della veloce Federica Pellegrini dei 100 metri, che incorona la nostra numero uno di nuove avventure. Una sorta di profilo marketing natatorio che aumenta l’interesse e la scommessa sui nostri campionissimi. Capitani coraggiosi sempre sul pezzo, come con la Fede capitana rosa, anche con spartiti da interpretare di volta in volta. Un coraggio da capitani condottieri, appunto per questo già in copertina europea.

zicche@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram