Il Mondo Acquatico di Patrizia: La Puglia conquista Ostia.. e manca ancora un giorno

Con sei titoli italiani in meno di 24 ore è la regione italiana che più sta mostrando i muscoli. Sbraccia la Puglia ad Ostia reclamando attenzione. Permesso, scusate, eccoci, siamo qui e siamo vincenti. (Non solo) la solita Pilato che vince e convince nei 50 rana, dopo aver dominato i 100, ma tante nuove leve che nuotano nella sua scia virando verso risultati prestigiosi. La rivelazione Toma che si conferma nuova reginetta del dorso con uno straordinario 100 vinto su Silvia Scalia e una straordinaria Chiara Tarantino che domina i 100 stile libero con il quarto tempo all time in Italia. Viene da Lecce, ha 19 anni, è allenata da un giovane tecnico (Mauro Borgia) e si è appena diplomata. Ha affrontato la Maturità da sola perché, mentre i suoi compagni di banco affrontavano le prove scritte, lei era in acqua a Budapest per l’esordio ai Mondiali. La sua notte prima degli esami è stata in piscina, mentre i coetanei erano sui libri. Corsia diversa di vita per un talento della velocità a cui Butini guarda con attenzione da tempo in vista del progetto dele staffette. E poi c’è il più piccolo dei De Tullio, Luca, che ha vinto un argento sugli 800 stile dietro a un imprendibile Galossi dimostrando che la sua carriera sbraccia sempre più verso le distanze più lunga. Senza dimenticare le senatrici Di Liddo e Sinisi che sono sempre lì tra le migliori, dopo essere state le apripista quando la Puglia non era quello che è oggi. E cioè tanta roba, tanto vivaio, tanta competenza (e passione) di tecnici che crescono atleti in una regione dove l’unica piscina scoperta da 50 metri si trova nel profondo Salento (a Casarano), dove di inverno i big sono costretti a macinare chilometri per raggiungere Bari e l’unica piscina olimpionica presente. Miracoli del talento, che la corsia per emergere la trova sempre, realizzando concretamente l’assioma che nella vita si va avanti nonostante. E si può pure vincere.

Patrizia Nettis per Swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram