L’affidabilità di Erika e Ilaria

Copyright foto: Andrea Staccioli-Deepbluemedia/Insidephoto

Ci sono sempre. Sono due veterane (non per età, bensì per militanza) e la loro affidabilità è ormai nota. Erika Ferraioli e Ilaria Bianchi rappresentano il filo di continuità nel nuoto femminile azzurro da quasi un decennio, da quell'Olimpiade di Pechino che le vide insieme nelle vasche dell'estremo oriente difendere la maglia azzurra. Ancora una volta le due "senatrici" hanno fatto il loro dovere appieno, con un bel gruzzolo di medaglie, anche all'Aquatics Centre londinese: mentre la sprinter capitolina si è dimostrata grande protagonista in staffetta con ben 3 argenti (4x100 stile libero F, 4x100 stile  mista e 4 x100 mista femminile (in squadra ieri con la Bianchi, Carlotta Zofkova e Martina Carraro), la delfinista bolognese ha agguantato un bel Bronzo nei suoi amati 100 farfalla e il secondo gradino del podio nella 4x100 mista. Due atlete di sicuro rendimento, capaci di essere sempre affidabili, come un veicolo adatto per qualsiasi terreno e strada (la Bianchi è una grande appassionata di motori N.d.R.). Allo stesso tempo, di profilo basso e grande professionalità in allenamento. Erika ed Ilaria saranno due valori aggiunti anche a Rio, nella loro terza Olimpiade. Il nuoto azzurro conterà sempre su di loro.

guarnieri@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram