L’Europa ai piedi di Bonanni e dell’Italia

Sicurezza, più che salvamento. Nel senso che il nuoto di salvamento italiano è garanzia di medaglie e spettacolo. Agli Europei di Den Haag (Olanda) nella sola giornata di ieri, quelle delle gare in piscina, tredici medaglie di cui sette d'oro, e in primo piano ancora una volta lui, Francesco Bonanni. Dopo aver superato i suoi problemi alla spalla, il ventitreenne si è preso record mondiale agli Assoluti, World Games e, ieri, l'oro europeo 100 m manichino. "E' cresciuto moltissimo, tecnicamente e di testa - sono le parole del padre e coordinatore dei settori acquatici delle Fiamme Oro, Roberto Bonanni, che racconta a Swimbiz - prima dei 100 manichino era un po' nervoso, ma gli ho detto di farsi il film della gara e di stare tranquillo; ha vinto con un secondo di vantaggio su Costamagna, ormai quella gara non vuole perderla". E in chiusura ringrazia Francesco Montini, presidente dei gruppi sportivi Fiamme Oro, per aver permesso una stagione indimenticabile, dai 19 atleti portati a Barcellona - tanto che la Nazionale è stata ribattezzata da Christian Zicche, direttore di Swimbiz, Federpolizia - alle medaglie di Grimaldi e Paltrinieri, fino al suggello di un oro europeo vinto in famiglia.
 
moscarella@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram