A che gioco (nuoto) nuotiamo per il 2013?

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche
Il commento del direttore:
 Si chiude un anno , ne apre un altro. Nel segno dell'acqua e dei suoi giochi..

 Vi ricordate Londra acquatica? La Lego, sì proprio quella dei mattoncini che oggi usano anche i manager (e Max Rosolino) per rilassarsi e concentrarsi, ne ha fatto un fenomeno di culto collezionistico. Serie limitata e animazione video nei giorni Olimpici per la piscina dei Brics, diffusa nientemeno dai seriosi inglesi del The Guardian (http://www.youtube.com/watch?v=XgNlH5-WU3U&feature=share) che su Michael Phelps tra una medaglia e l’altra, hanno pure pensato  alla quantità di calorie per cotanto sforzo. Ora il Lego nuotatore da collezione, come potete ben vedere dalla foto, ha il costumino azzurro  e con uno sforzo di immaginazione  potrebbe anche essere uno dei nostri. Sì , appunto con un po’di immaginazione. A volerci proprio giocare di fantasia, perché Londra è stata quella che è stata. Punto ,anzi punto e virgola; non abbiamo giocato- pardon nuotato- come avremmo voluto a queste olimpiadi, ma ci siamo subito rimessi in carreggiata soprattutto in vasca corta, e il sorriso è rispuntato. Punto a capo. Chiude l’anno e ne inizia un altro. Il 13 , finale , dovrebbe portare bene a noi( 13 è la stanza di Federica Pellegrini nella foresteria Aniene, il suo club), forse poco meno agli americani che se sul 17 vanno a gonfie vele , diventano scaramantici come pochi sul 13. A dirla tutta, e in verità, non si vedono certo segnali peggiorativi all’orizzonte a stelle e striscie dopo l’addio del fantastico e stellare Michelino Phelps. Che appeso il costume al chiodo, gioca. Gioca a Golf, gioca a Poker, e magari non lo sappiamo, gioca con una scatola di Lego lì a casa a Baltimora. Se lo può permettere mister Gold Medal, perché anche nel gioco vince tutto. Beato Michelino, tanto ci pensa Lochte a azzerare record del mondo e a giocare al defilè de mode con le sue improbabili creazioni modello scarpa da ginnastica, sneakers che si voglia da esibire a ogni podio. Qui da noi il modello piace ai rampanti Detti e Paltrinieri che sul tema hanno molto da dire.Come nel gioco, non ti devi divertire mentre nuoti? Appunto, bella domanda sorge spontanea: a che gioco (nuoto) nuotiamo per questo 2013?Vogliamo giocare con le nostre figurine principali, Scozzoli, Bianchi e perché no con i missili Dotto, Orsi, e quel giovincello che di cognome fa Mitchell d’Arrigo che sembra un Lego d’assalto visto il fisico. Ci siamo dimenticati qualcuno? Certo che sì, perché oltre ai giovani rampanti e ai noti nuotatori azzurri, ci sono loro, la coppia PelleMagno. Con Pippo che a onor del vero al fine d’anno si presenta  già in discreta forma, si è visto a Riccione,ma che sulle figurine da vip di San Gregorio Armeno, lì dove fanno i presepi più belli del mondo con l’attualizzazione personalizzata, risulta manchi in coppia con Federica. Sarà, ma ci auguriamo che sia un anno mondiale – per via di Barcellona- da collezionare meglio del 2012 poco Olimpico. A proposito, la miniatura Lego nuotatore è a soli pochi pezzi disponibili su Internet per i collezionisti . Affrettiamoci , un altro anno acquatico è al via, e potrebbe valere molto di più..
 
zicche@swimbiz.it