Ai vostri posti, Swim Your Best al via

swim20your20best.jpg

Copyright foto: arena

Ed eccoli, finalmente, i sei nomi scelti per il progetto, tutto italiano, focalizzato sui giovani. E che giovani, già ben rodati come Rachele Ceracchi (prediletta di una certa Pellegrini), Nicolangelo Di Fabio, Simona Quadarella protagonisti alle scorse Olimpiadi Giovanili e poi ancora Giuseppe GuttusoGiovanni Izzo Martina Rossi. L'aveva preannunciato il Direttore Tecnico dell'Italnuoto, Cesare Butini(leggi qui), ed eccoli schierati, gli atleti di Take Your Mark, Swim Your Best, espressione concreta del comune intento di Arena e Fin nel promuovere lo sviluppo e la crescita del nuoto giovanile "Quello che imparate nello sport, vi aiuterà nella vita" commenta Cristiano Portas, CEO di Arena; il Direttore Generale di Arena Italia, Enrico Maria Tricarico sottolinea il privilegio, per un giovane atleta, di essere stato scelto per un simile progetto "ne deriva la responsabilità che avete e che spero viviate serenamente, consapevoli del fatto che qui ci sono persone che credono nel nuoto e vogliono far crescere il movimento". I sei atleti, qui schierati in buon ordine per la foto di rito, saranno monitorati nell'arco di 12 mesi di lavoro, nei quali avranno l'opportunità di essere seguiti da Butini e dal responsabile delle nazionali giovanili Walter Bolognani, ed effettuare test specifici nei centri federali di Verona e Ostia, uno tra fine gennaio e inizio febbraio, l'altro tra fine aprile e inizio maggio (con un occhio anche ai risultati scolastici). Preziosi supporti e consiglieri saranno i tutor Massimiliano Rosolino (Cadetti) "Essere versatili alla loro età, permetterà loro di non aver rimpianti", Lisa Fissneider (Ragazzi) "Darò consigli a livello psicologico, perché l’età di questi ragazzi rappresenta un periodo della vita piena di domande e pensieri" e Gregorio Paltrinieri (Juniores) "Cercherò di trasmettere l’esperienza che ho acquisito dall’altra parte del mondo". Gli atleti parteciperanno, inoltre, a uno o più meeting internazionali e i due giovani reputati migliori potranno allenarsi al centro InnoSport di Eindhoven, firmando un contratto di sponsorizzazione tecnica con Arena. Ma, come si dice in questi casi, il viaggio è forse ancor più importante della meta finale.

 

moscarella@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram