Anche i processi vanno in streaming: Sun Yang davanti al Cas il 15 novembre

Copyright foto: Getty Images

Un processo pubblico, trasmesso dalle televisioni di tutto il mondo, non è certo una novità in giurisprudenza. Eppure, alla Court of Arbitration for Sport di Losanna era capitato solo una volta in tutta la sua storia: Michelle Smith De Bruin contro la Fina, nel 1999. Vent'anni dopo, tocca nuovamente a un nuotatore aggiornare l'usanza al Cas: il 15 novembre prossimo, si terrà infatti l'attesa udienza che vede opposti Sun Yang e la Fina da una parte, e la Wada, l'agenzia mondiale antidoping, dall'altra, per le vicende - nelle versioni di accusa e difesa - ormai note(leggi qui). Rispetto al '99, toccherà soprattutto al Sesto Potere, internet, diffondere le immagini del processo, con il Cas che annuncia persino una diretta streaming sul sito ufficiale del tribunale. Strano a dirsi, ma anche questo è il segno di un nuoto sempre più mediatico.

moscarella@swimbiz.it