Atelier Pellegrini

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche
Il commento del direttore:
Analisi di gara, Pellegrini da misure piene, e domani sarà sfilata..

Pensierino della sera. Mai fare i conti senza il colpo di tacco, quello affilato e a stiletto, magari numero 11 fuori quota, di Federica Pellegrini. Semplice, dopo l’aggiustatina al costume. Via le bolle, quelle le hanno fatte nell’afternoon del tè le avversarie. Sbracciandosi, al momento,  per inseguire la Divina. Domani è finale, tutto si azzera, ma la pratica pare chiara comunque vada. Se fosse sarto, Pellegrini sarebbe lo stilista che tutti vogliono, quello più alla moda, quello che ti sorprende con un oh! ad ogni sfilata. Ti prende le misure Fede, calcola il peso, il tocco del risvolto alla virata, l’altezza della frequenza, la giusta dose di gamba per un gessato alla moda, fino all’occhial(ino) a tema: rigorosa e sbarazzina allo stesso tempo, poi si aggiusta il tailleur, un colpo di anca e un pugno sopra la coppa di champagne, e via per la grande soiree al blocco di domani. Tempi? Bisognerà scendere, e di molto, perché qualcuna dopo la doccia rigenerante tenterà la graffiata, fa parte del gioco, della sfida, dell’ adrenalina  Per oggi basta così, a noi tifosi, tutte dietro e lei davanti. Lei e i suoi duecento che conosce al millimetro da sempre. Benvenuti all’Atelier Pellegrini.
 
zicche@swimbiz.it