AUDIO L’appello di Allegrini per dare fiato all’apnea. E quell’idea: unificare Europei di nuoto e pinnato

Da sx Carlo Allegrini, Alessia Zecchini e il Presidente Fipsas Ugo Claudio Matteoli

Copyright foto: Ferdinando Mezzelani GMT

Una full immersion, è il caso di dirlo, tra apnea e nuoto pinnato, a Sport Academy, Radio Cusano Campus, con Max Cannalire e il Direttore di Swimbiz.it Christian Zicche. Due discipline analizzate sotto più sfaccettature. Il medico federale della Fipsas, la Dott.sa Maria Silvia Amaddii, spiega come Alessia Zecchini riesca ad andare con semplicità e continuità a oltre 100 m di profondità e riemergere con apparente nonchalance, nonostante un fisico assolutamente umano. E a chi pensi che l’apnea comporti dei rischi, fa notare come paradossalmente i chiacchieratissimi E-Sports presentino molti maggiori rischi.

Carlo Allegrini, Responsabile di settore nella federazione, torna invece  sul muro costantemente opposto dalla Fina all’ingresso del nuoto pinnato nel programma olimpico, ricorda come lo stesso nuoto in acque libere nasca dal pinnato e sottolinea come invece pinnato e nuoto possano coesistere. Persino all’interno di un’unica competizione:

 

moscarella@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram