Il cilindro magico: l’high diving per la prima volta in una piscina autoportante

Copyright foto: myrtha pools

E’ ormai la soluzione standard per i grandi eventi acquatici. Utilizzare piscine temporanee permette un notevole risparmio rispetto a un impianto permanente ed elimina il rischio di lasciare cattedrali nel deserto inutilizzate a fine evento. La costruzione di grandi piscine permanenti viene così limitata quei soli impianti pensati appositamente per ospitare anche in futuro grandi competizioni internazionali. Come la Duna Arena – Danube Arena in inglese - di Budapest, realizzata con criteri olimpici(leggi qui) e ultimata a tempo record per i Mondiali di nuoto. Esistono soluzioni ibride: i recenti Mondiali di nuoto in vasca corta di Windsor(leggi qui) si disputarono in una piscina temporanea, ma la vasca da riscaldamento è permanente e oggi serve la comunità.

Una piscina prefabbricata, inoltre, dà la possibilità di ospitare le gare virtualmente ovunque. Perfino all’ombra di splendidi beni culturali o paesaggistici, diventando così un incentivo al turismo. E’ il caso del parco cittadino Városliget, di fronte al castello di Vajdahunyad, location del nuoto sincronizzato ai Mondiali di Budapest (foto a lato). A fine manifestazione, tutti gli impianti temporanei saranno smontati e riassemblati in zone dell'Ungheria carenti di piscine.

Le gare di high diving dei Mondiali di Budapest 2017 si terranno in piazza Battyhyány, sulla riva del Danubio

La competizione iridata, infine, include una piscina temporanea per i tuffi dalle grandi altezze. Di forma cilindrica “Larga 15 metri e profonda 6, si compone di una struttura autoportante una soluzione unica, senza precedenti nell’intera storia dell’azienda” scrive in un comunicato la Myrtha Pools-Piscine Castiglione, partner Fina e punto di riferimento mondiale per la costruzione di piscine temporanee. Possibile spunto, forse, per portare in futuro anche i tuffi ‘normali’ fuori dalle piscine classiche. E ospitare gare, sulla scia dell’high diving, in contesti dal forte impatto visivo.

moscarella@swimbiz.it