Dotto, mi piacerebbe un Settecolli serale

Il commento di Swimbiz:  La rinuncia al Singapore Swim Stars e il suo punto di vista sull’organizzazione dei meeting.

Copyright foto: Swimbiz

Ore 11,30 della prima giornata di Settecolli 2014 e le prime dichiarazioni  giungono dalla zona mista. E’ Luca Dotto che racconta le sue prime impressioni a caldo dopo la gara nei 50m stile libero, con la quale si è qualificato alla finale di questa sera in settima posizione  con il tempo di 22.78 (primo tempo di qualifica per Marco Orsi con 22,53). Ha ribadito quanto espresso a Swimbiz, che il nuoto non è un’equazione “Nuoto perché mi piace, senza l’ossessione del cronometro. Questa  mattina ho fatto una buona gara, come al Memorial Ottaviani. Sono contento. Se dovessero propormi di fare una staffetta, non mi tiro indietro anche se non sono espertissimo del genere”. E a settembre, Singapore Swim Stars per Luca Dotto? “Sono contento di esser stato convocato, ma purtroppo non ci sarò. Inizialmente era prevista per settembre, poi è stata anticipata ad agosto dopo gli Europei, ma io avevo già prenotato le vacanze. A dire il vero, occorrerebbero più meeting  del genere in Italia. Ma è il movimento del nuoto che deve muoversi dal punto di vista degli eventi. Magari anche di una sola giornata con grandi ospiti e anche di sera, ma non troppo tardi perché altrimenti non riusciamo a dare il massimo. Però anno dopo anno, Il Settecolli migliora, visto anche le finali alle 18,30”.
 
   ugo@swimbiz.it