#Flash# Agnel fa ricorso, spera nel ripescaggio

Copyright foto: L'Equipe

Yannick Agnel terzo in 1'46"99 nella finale 200 stile ai campionati francesi di Montpellier. Col tempo ottenuto, sarebbe fuori da un'eventuale qualificazione alle Olimpiadi di Rio 2016 dove difendere il suo titolo del 2012. Ma né lui né il suo allenatore, Lionel Horter, ci stanno e ora fanno ricorso. I due, infatti, sostengono che Agnel abbia toccato prima del secondo arrivato, Jordan Pothain (1'46"81) e il dubbio ora è se ci sia stato un errore nel sistema di cronometraggio - già stamane il suo tempo in batteria è stato corretto - oppure se Agnel non abbia esercitato una pressione sufficiente sulla piastra (qualcosa che a Pechino 2008 costò l'oro olimpico al serbo Milorad Cavic contro lo statunitense Michael Phelps). A L'Equipe (che titola con l'italianissimo termine Imbroglio), Yannick Agnel si dice sereno, molto meno il suo allenatore. Se è vero che neppure il tempo del vincitore(leggi qui), Jeremy Stravius (1'46"18), basta per la chiamata nella nazionale olimpica - il tempo limite da nuotare era 1'46"06 - un secondo posto aprirebbe ad Agnel spiragli per un eventuale ripescaggio...

 

AGGIORNAMENTO: la giuria d'appello ha confermato il terzo posto di Agnel, respingendone il ricorso.

 

moscarella@swimbiz.it