Gran Magnini e 4×200 in finale, a caccia delle Olimpiadi

Il commento di Swimbiz: Azzurri in semifinale nelle gare a 50 m, ma stasera c'è la finale della 4x200 sl maschile.

Copyright foto: LaPresse

La penultima giornata degli Europei di nuoto di Londra è dedicata principalmente allo sprint, la gara a vasca unica. Nei 50 m rana, passano in semifinale Martina Carraro (31"27 8°) e Arianna Catsiglioni (4° 31"02). Soddisfatta la lombarda, che quest'anno ha avuto problemi fisici "I 50 sono la gara in cui mi sento meglio, dove sono meno tesa e mi diverto di più" commenta al microfono Rai di Elisabetta Caporale.

Ma è di nuovo tempo per i velocisti azzurri al maschile di scendere in vasca, con i 50 m stile libero. Marco Orsi, anche lui al ritorno dopo qualche problema fisico, chiude in 22"45 e, da terzo azzurro più veloce, non può andare in semifinale "Sono deluso, ho deluso anche me stesso. Ho provato a recuperare, ma il tempo era poco e non sono un supereroe" commenta in zona mista. Passano il turno Luca Dotto (5° 22"32), felice anche per un nuoto italiano "Cresciuto tecnicamente e mediaticamente" e Federico Bocchia (8° 22"41), al debutto a un Europeo in lunga. Il giovane Giuseppe Guttuso chiude 28° (22"88).

E due sprinter azzurre in semifinale anche nella gara femminile. Silvia Di Pietro ed Erika Ferraioli, amiche e compagne d'allenamento, "a braccetto" con l'8° tempo ex aequo (25"35) tra loro e con la svedese Therese Alshammar. Chiude 25° Aglaia Pezzato (25"85). Bene nei 200 farfalla Stefania Pirozzi, 5° in semifinale in 2'10"20 e dentro anche Alessia Polieri (9° 2'10"37). Ilaria Cusinato chiude 18° .(2'13"41).

L'incitamento dei tecnici azzurri durante la 4x200 (Rai Sport)
L'incitamento dei tecnici e dirigenti azzurri durante la 4x200 (Rai Sport)

Ma la gara da seguire con più attenzione è la staffetta 4x200 stile libero maschile, l'unica, per l'Italia, non ancora qualificata alle Olimpiadi. Apre Andrea Mitchell D'Arrigo (1'48"19), segue il toscano Filippo Megli (1'49"50), poi Jonathan Boffa (1'49"14). E con un fantastico Filippo Magnini (1'47"51 lanciato, il migliore degli azzurri), gli azzurri recuperano posizioni e vanno in finale col 7° tempo assoluto (7'14"34). A fine gara, Tommaso Mecarozzi in telecronaca Rai segnala il bell'abbraccio di ringraziamento, da parte di Boffa, al capitano azzurro. E stasera, con l'inserimento di Luca Dotto e Gabriele Detti, l'Italia cercherà la qualificazione olimpica.

moscarella@swimbiz.it