Il caminetto del Moro

Il commento di Swimbiz:  Domani il gruppo azzurro di stanza in Val D'Aosta a Saint Vincent rientra dopo un collegiale di ripresa, e per il "Moro" Morini inizia una una nuova stagione..

Copyright foto: swimbiz

 Bella la montagna per un allenatore livornese “di scoglio” come Stefano Morini. Che poi sulla sabbia di Ostia, sede designata di lavoro e allenamento al Centro Federale, lascia i segni del suo percorso a cronometro la cui traccia più evidente è stato il trionfo bronzeo di Gregorio Paltrinieri questa estate. Certo non si può dire che la salubre Valle D’Aosta del collegiale di Saint Vincent non porti consiglio e giovamento al primo gruppo azzurro al lavoro per un settembre già caldo. Anche se domani, fine collegiale dei nostri, nella Vallée si aspettano la neve. Caldo bordo vasca, con la politica acquatica sempre in evidente subbuglio un giorno sì e l’altro anche, ma anche dentro e fuori le corsie della piscina le cose non godono di piena serenità. Si riparte col piglio giusto,e ci mancherebbe altro, ma già dai prossimi europei in corta bisogna fare i soliti conti di chi c’è, e chi no, chi va e chi galleggia. Semplice fino a un certo punto anche per chi è un po’ il salvatore ( a pieno merito, e non l’unico) della patria acquatica da piscina. Perché certo super Moro acqua al mulino l’ha portata in quel di Barcellona, e adesso si appresta a nuove battaglie.La teoria(psicologica) del caminetto vale anche per lui, quindi meglio indossare caschetto e salvagente e buttarsi giù per le rapide discese acquatiche dei torrenti valdostani. Il gruppo è compatto,facciamo gruppo è l’imperativo, c’è anche Rossetto a respirare altitudine, ma è sul rientro ad Ostia lunedì prossimo che ci si prepara. Nuova stagione, Paltrinieri-Detti in formazione con l’agente ( Fiamme Oro Napoli) Stefania Pirozzi a fare da triangolo modello veronese, dove Pellegrini-Di Giorgio-Magnini insegnano nuovi percorsi misti. Anche se poi, già da lunedì prossimo, a Ostia potrebbero arrivare new entry rosa, due per la cronaca da concordarsi col cittì  Cesare Butini e trasformare il centro in un baluardo femminile, dopo alcuni anni da “Moro Boys”. Al palo? Sempre lui, il buon Moro, caschetto e cronometro sempre pronti, certezza per una stagione che già bussa e chiede , manco a dirlo , risultati. Se no , che nuoto sarebbe? 
 
zicche@swimbiz.it