Il Cielo su Federer

Il commento di Swimbiz: Il velocista brasiliano vuole ispirarsi al campione del tennis per il suo ritorno in vasca.

Copyright foto: Getty Images

Andre Agassi, nella sua biografia Open, spiega quanto il tennis possa essere uno sport solitario. Persino più del pugilato, dove l'avversario rappresenta una sorta di compagnia, senza una rete a dividere i contendenti. In questo, il tennis non si discosta poi molto dal nuoto: le corsie che evitano qualsiasi contatto fisico, la visuale concentrata sulla piastra d'arrivo e la linea nera lungo il percorso.

Per Cesar Cielo, primo nuotatore brasiliano a vincere un oro olimpico, velocista e sprinter sei volte oro mondiale, la pietra di paragone col tennis è un'altra. La più illustre, Roger Federer "Vedo uno scenario molto simile al mio: una piccola pausa, il ritorno. Ora sembra giocare come dieci anni fa; il mio obiettivo è tornare a nuotare ai miei livelli di quattro anni fa" dichiara Cielo a Goloboesporte. Reduce da un 22"44 nei 50 stile a un torneo regionale, prima, timida uscita in gara dopo il periodo sabbatico annunciato a inizio stagione(leggi qui).

Come Federer, il trentenne paulista ha mancato l'appuntamento olimpico, quello più importante: in casa, a Rio de Janeiro. Lì dove un altro ritorno, bagnato d'oro(leggi qui), ha stupito il mondo, e proprio nei suoi 50 m stile libero "La storia di Ervin è diversa, ma è motivante il fatto che sia riuscito ad essere al meglio della sua vita a 35 anni. E' emozionante vederlo nuotare, tutti lo amano".

moscarella@swimbiz.it