Israele snobbata, ammonizione Fina per Dubai e Doha

Il commento di Swimbiz: La dichiarazione ufficiale Fina, dopo le proteste da parte degli atleti.

Copyright foto: aaron maccabee

Un brutto episodio d'infiltrazione della politica nello sport. E la Fina non ha tardato a rispondere all'appello degli atleti israeliti impegnati in Coppa del Mondo, che due giorni avevano rivelato la censura, da parte di Dubai (e successivamente Doha), della propria bandiera (foto) e del nome Israele. In una dichiarazione ufficiale, la Fina spiega come sia intervenuta subito affinché nelle seconde giornate di gara non si ripetessero le discriminazioni delle prime. Inoltre, ha intimato agli organizzatori di non ripetere più episodi del genere, ricordando che l'anno prossimo Dubai e Doha saranno nuovamente tappe di World Cup e la città qatariota anche sede dei Mondiali in vasca corta.
 
In allegato, in pdf, la dichiarazione ufficiale Fina.
 
moscarella@swimbiz.it