Italsynchro oltre il muro Canada. Dedieu… parbleu e l’Italia mette la freccia

ferro20e20cerruti.jpg

Copyright foto: getty images

E pur si muove. Riferimento alle classifiche di nuoto sincronizzato, spesso allergiche alle novità. Sarà l’aria di festa per l’immancabile carnevale di Rio scelto come tema musicale dal Brasile. O l’aria di casa con la sigla di Ballarò che d’improvviso risuona durante l’esibizione del Messico. Ma stavolta, ai Mondiali di Kazan, i giudici premiano l’Italsynchro nell’eterna lotta per superare l’ostacolo Canada, sia nella routine del duo libero di Linda Cerruti e Costanza Ferro, sia in quella della squadra “Semplicemente spettacolari Linda e Costanza e i giudici iniziano a dare il giusto merito alla squadra azzurra – commenta entusiasta Francesca Gangemi, ex azzurra e talent Swimbiz.it del nuoto sincronizzato - perché ha lavorato tanto, è tecnicamente tra le prime al mondo e, dal punto di vista artistico, ha investito in professionisti”. Dalla musica composta da Michele Braga(leggi qui) alla regia teatrale di Enrico Zaccheo(guadra il video), fino all’attenzione per la respirazione con Alessandro Vergendo(guarda il video). E non finisce qui, perché la Spagna, vero obiettivo delle azzurre, è a un solo punto di distanza. I preliminari del misto libero, invece, fanno nuovamente discutere. Subito in testa il duo americano composto da Lum-Underwwod e Bill May “Si parla di una gara molto artistica, quindi li aiuta l’esperienza al Cirque du Soleil”, davanti ai russi Maltsev-Valitova. "Ci sono eccome criteri di giudizio oggettivo. A volte si vive di rendita, ma non è proprio il caso di questi Mondiali" commenta a Swimbiz.it Stefania 'Cicci' Tudini, chariman del Comitato Tecnco Fina di synchro. Ma il 3° posto momentaneo del duo francese “Lascia perplessi. Virginie Dedieu mi sembra ancora in forma, ma Benoit Beaufils – prosegue Gangemi - per me è fisicamente troppo muscolato. E le dissincronie tra i due erano eveidenti”. Nemmeno una suggestiva partenza “in equilibrio” giustifica i loro 88.5333 punti, davanti agli 87.9667 dell’Italia “Per questo sono convinta che Giorgio (Minisini n.d.r.) e Mariangela (Perrupato n.d.r.) li supereranno in finale. Hanno dimostrato di aver lavorato meglio e maggiormente”. Quarta l’altra ex stella al ritorno, la spagnola Gemma Mengual.
 
moscarella@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram