La corsia che separa la Verona-Ostia

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche

Il commento del direttore:  Assi d'allenamento intorno ai due Centri Federali più frequentati dal nuoto azzurro....

Copyright foto: swimbiz

Vasche affollate a Ostia, corsie piene anche a Verona. Centri federali pullulanti, l'asse ideale del nuoto sulla corsia azzurra della Verona-Ostia, autostrada natatoria trafficatissima di questo periodo. Nella città di Giulietta e Romeo, e della Divina Federica Pellegrini, arriveranno a giorni anche gli stranieri: attesi Ruta Meilutyte e soci per qualche test da costume Arena. Poi sarà il solito testa a testa con la vasca di Ostia, dove da oggi sono in scena i velocisti sotto torchio da collegiale col cittì Cesare Butini. Se Verona è targata Tamas-Giunta e diretta da un giornalista natatorio come Alberto Nuvolari, Ostia è il regno del "Moro" Morini. Qui passerà ancora la grande stagione di chi approfitterà tra poco della vicinanza della spiaggia per i gaudenti del clima temperato,  e nel post  Settecolli arriveranno forse i samurai giapponesi della vasca, se non prima i russi ADN da Caserta con Andrea Di Nino. Due centri, due filosofie: chi ama Ostia e chi non si separerebbe mai da Verona. Una ideale corsia di gradimenti che divide l'obiettivo comune del nuoto azzurro
 
zicche@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram