La medaglia nera

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche

Il commento del direttore:  Lo spettro dopante colpisce ancora, ultima la russa Efimova..

Copyright foto: swimbiz

 Quella medaglia che splende luccicante e quella bellezza che non ti farebbe mai pensare al buco nero che inghiotte tutto. Ecco cosa pensi il giorno dopo quando rileggi di Julija Efimova, russa, 21 anni, campionessa amata e seguita da primato mondiale fresco fresco ( 13 dicembre scorso europeo); ennesimo caso di doping, anabolizzante trovato e che sarà difficile da dimostrare come un caso dovuto a...Il giorno dopo sappiamo (fonti Swimbiz) che il  pre-test a sorpresa fuori competizioni richiesto da Fina risale al 31 ottobre a Los Angeles, dove Efimova sia allena ormai da 3 anni. Lo testa un laboratorio nord americano che trasmette notizia di positività alla Fina, e a fine novembre tutto è chiaro. Per la procedura a cui la  Fina si attiene( la DC 7.1.11 RUL) l'atleta  risulta quindi sospesa. Oggi è evidente che si aspettino le ulteriori indagini, ma se Efimova verrà confermata in pieno urge il massimo della severità. Restituzione di medaglie e di record. Ma anche a ritroso, perchè il buco nero inghiotte tutto. Nessuno sconto e squalifica a vita. Solo così riusciremo a arginare la marea nera. Forse
 
zicche@swimbiz.it

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram