L’acqua in mostra

Il commento di Swimbiz:  Il master Giuseppe Tiravanti, scatto dopo scatto, ha fatto del mondo acquatico una cornice. 

Copyright foto: Giuseppe Tiravanti

 “Lo scorso anno, i postumi di un incidente non mi permettevano di allenarmi, ma ugualmente entravo in vasca per fare delle...fotografie” racconta, a Swimbiz, Giuseppe Tiravanti, nuotatore master e autore di una mostra fotografica legata al mondo dell'acqua. “L'intento della mia esposizione è stato quello di trasmettere a coloro che sono lontani da questo ambiente, la gioia e le emozioni positive che si provano nella pratica del nuoto, in particolare master”. Non immortala, dunque, ciò che accade durante una gara, bensì negli allenamenti, “focalizzo la mia attenzione sulla serenità, felicità di persone comuni che dedicano buona parte della loro giornata all'attività sportiva”. E le centinaia, e forse anche più, di scatti sono stati esposti quest'anno al Foro Italico, dopo un lungo lavoro di preparazione. La prossima tappa sarà sempre romana, al Forum Sport Center e “spero nella prima metà del 2015 riesca ad inserire del materiale audio visivo per regalare al visitatore un contesto più interattivo e permettere loro, per quanto possibile, di immergersi in un'esperienza nuova”. Per le sue mostre, Giuseppe non è alla ricerca di uno sponsor, “mi interessa in primis far crescere l'iniziativa”. Anche con la realizzazione, in questo periodo, di un calendario fotografico, “che ha come tema d'ispirazione il tuffo di partenza. Sarà una piccola rassegna di nuotatori che si tuffano, ma non in acqua: le immagini sono surreali e i proventi della vendita saranno destinati in beneficenza”. A conferma del suo interesse per le iniziative no profit, dopo “essermi sganciato dalla mia ex attività di project manager impiegato nel settore profit”. Un augurio di benvenuto giunge da un professionista del settore, Giorgio Scala- fotografo ufficiale di Fina, Len, Fin, Federnuoto Russa ed esperto in fotografia 'acquatica'- “se un artista ritiene di avere qualcosa da esprimere, ben venga: magari mi da anche qualche idea”. Lui che, cresciuto in questo ambiente, cerca il particolare come le punta dei piedi di una tuffatrice che lascia la tavola del trampolini dai 3 metri, ma chiosa “le foto degli atleti che esultano in vasca o fuori sono maggiormente di impatto e tra le più richieste”.
 
ugo@swimbiz.it