L’eremita e il rating acquatico

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche
Il commento del direttore:
Cseh e Le Clos rispondono a dura bracciata al Phelps eremita in vasca lontana, mentre per Paltrinieri le agenzie aspettano il bilancio della epica disfida col Sun…

Copyright foto: Fabio Ferrari-LaPresse/Hiroyuki Nakamura

Scommettiamo che? Phelps versione new age se la nuota, e se la canta anche bene, in vasca dalle parti di San Antonio. Affidarsi ai santi è una buona scelta, in direzione Rio. Sarà, ma intanto fa perdere la pazienza a quelli che a Kazan fanno le cose perbenino nel mondiale ufficiale. Ha torto sempre l’assente, e non te la passano questa cosa nemmeno se sei un Phelps versione eremita. Scommettiamo che da qui all’Olimpiade voleranno le cuffie?  Va bene il mito, ma la vasca, e la concorrenza, non ammette deroghe a nessuno. Fatti vedere, mettiti al mio fianco, gareggia faccia a faccia. E’ un po’ il pensierino della domenica del villaggio acquatico che San Paltrinieri fa al Sun dagli occhi a mandorla. Su di loro scommettono le agenzie, comprese quelle che fanno il rating acquatico. Il cinese entra con un A+++, il carpigianostiense con una A + che prevede un bilancio finale che dipenderà dalle sue braccia, da quanto riuscirà a dimostrare che già non abbia fatto fino a oggi. Forza, speranza e carità acquatica. Ma oggi serve quel qualcosa in più, per aprire e stupire il mercato della lunga bracciata. Vai Paltri, semplicemente.
 
zicche@swimbiz.it