Manaudou, ritorno col botto (e gaffe)

Copyright foto: Tiziana Bonetti-Afp

Immaginate la scena. Metà della stampa francese presente allo Stadio del Nuoto di Roma, carica di aspettativa per il ritorno in gara di uno dei suoi simboli sportivi. Florent Manaudou, imponente come sempre, per fisico e curriculum, che si 'divora' la vasca come ai vecchi tempi e vince la batteria d'imperio... con la cuffia britannica in testa. Incidente diplomatico sventato, nessun cambio di nazionalità in vista: solo un problema tecnico e una soluzione di ripiego offerta dal suo allenatore, l'inglese James Gibson. Giusto un po' d'imbarazzo tra colleghi transalpini e volontari, subito sommerso dal 21"73, tempo di spessore, timbrato dietro a Bruno Fratus (21"63), che come sempre compensa con classe il gap fisico con i big (in tutti i sensi) della velocità. In attesa della finale, bon retour Florent.

moscarella@swimbiz.it