Max Rosolino, La determinazione vale più del talento

Il commento di Swimbiz: Max Rosolino avvicina i più piccoli all'acqua. Compito non sempre facile negli impianti italiani.

Copyright foto: Swimbiz

Al via il progetto Acquamica Nuoto Anch’io, collaborazione tra FIN e Arena Italia. La prima tappa si è conclusa questa mattina al Polo Natatorio Foro Italico. Una ventina i bambini in acqua per una festa dedicata all’avvio all’acquaticità(leggi qui). Ad aumentare l’entusiasmo di genitori e bambini, la presenza del campione Massimiliano Rosolino, che ha nuotato in piscina insieme ai più piccoli. Il campione olimpico ha parlato di sé e della sua passione per l’acqua, “Cerco di tenermi in forma, anche se non ci sono gare all’orizzonte. La mattina, quando mi è possibile, mi alleno anche un paio d’ore. Io invito i ragazzi ad intraprendere la scuola nuoto tra i 4 e i 6 anni. A quell’età già si vede l’acquaticità di un bambino, ma è bene che da piccoli la cosa rimanga un gioco. Napoletano doc, Max parla anche del suo territorio, “Bisogna avere più determinazione che talento. Oggi, nella mia città c’è carenza di strutture. L’impiantistica nazionale non sta messa molto bene, c’è poco spazio acqua. Ci sono molti atleti che si devono spostare facendo molti sacrifici, ma lo sport è anche questo e lo si fa per passione”. Infine, una considerazione importante per i più giovani, “L’allenamento è molto importante, ma il motore ha bisogno di una benzina pulita. Da bambino andavo a scuola con la carota piuttosto che con la merendina. L’alimentazione è un arcobaleno, più è colorato, meglio è”.

 

capilongo-broussard@swimbiz.it