Mille miglia acquatiche

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche
Il commento del direttore:
Il Presidente Len (e Fin) Barelli non è a Indianapolis, ma le sue miglia acquatiche le spende per le prossime sedi degli Europei.

Copyright foto: Deepbluemedia

La domenica del villaggio acquatico ha un respiro internazionale. A Budapest, tappone della coppa del Mondo, l’osservata speciale azzurra Ilaria Cusinato arriva 5° nei 400 misti. E allora vien da pensare che è ancora presto, complice il nuovo carico di lavoro, per fare i conti della vasca a cui Ilaria ambisce con il nuovo sistema allenante di Tusup, fresco e nuovo coach a stelle e strisce. E’ ancora lunga, ancora mille miglia acquatiche di allenamenti per vedere il nuovo corso. Così a Indianapolis è iniziata la super Champions di ISL (Internatonal Swimming League) del  magnate ucraino Konstantin Grigorishin, uno che avrebbe visioni acquatiche alla modica cifra d’investimento di 165 milioni di dollari. Come dire una 500 miglia di Indianapolis formato corsia da venticinque metri, e in te anni l’ambizione di fare del nuoto un circus modello calcio autoproducendosi l’evento. Vedremo. Prossima tappa, Napoli.

Chi invece ha le mille miglia aeree inserite da tempo è Paolo Barelli, che la domenica l’ha perennemente lavorativa. In questo tour acquatico a Kazan con il Presidente della Repubblica del Tatarstan, Minnikhanov, complici i russi, ha già preso un impegno formale per l’organizzazione degli Europei in corta del 2021 e degli estivi in lunga del 2024. Pensando alla nostra Roma Europea 2022, una bella e ufficiale mille miglia acquatica.

zicche@swimbiz.it