Non siamo figli di un nuoto minore

Il commento di Swimbiz: Luca Dotto ancora critico su Twitter per le scelte della stampa sportiva nazionale in fatto di prime pagine e notizie. Intanto, il nuoto italiano continua a vincere medaglie e fare risultato.

Copyright foto: Deepbluemedia

Questa volta ha lasciato 'muto' il suo tweet, come a dire: guardate e giudicate voi stessi. Luca Dotto aveva fatto parecchio rumore agli ultimi Europei in vasca corta di Copenaghen, non solo in forza dell'oro conquistato nei 100 stile, ma anche per un tweet critico verso una prima pagina della Gazzetta dello Sport che metteva più in risalto le vicende extra calcistiche di Wanda Nara, Mauro Icardi e Maxi Lopez che non le medaglie azzurre in vasca. Nel tam-tam di retweet, il messaggio di Dotto attirò persino l'attenzione di Matteo Salvini che commentò "Grande Luca Dotto, ha ragione!".

Seppur senza parole, chiaro è il messaggio odierno - ripreso anche da Dagospia - dopo che stamane la stessa Wanda Nara campeggiava su Gazzetta per un'intervista esclusiva, dopo che nel week-end il nuoto azzurro era nuovamente protagonista col bronzo nel fondo di Simone Ruffini e il 5° posto di Paltrinieri(leggi qui). Messaggio, idealmente, riassumibile in un appello da tutto il mondo dell'acqua: non siamo 'figli di un nuoto minore', siamo forse lo sport italiano più vincente degli ultimi vent'anni e chiediamo la giusta attenzione dalla stampa sportiva nazionale.

moscarella@swimbiz.it