Pellegrini: proteste sul podio? Non è giusto senza sentenze. Ledecky sui 200 solo se in forma

Copyright foto: Deepbluemedia

Intervista 'a tutta vasca', come di consueto con la firma de La Stampa Giulia Zonca, per Federica Pellegrini. Da Greta "Mi piace" alla tv. Dalla candidatura alla Commissione Atleti del Cio "Via social", al matrimonio Magnini-Palmas che la lascia indifferente. Ma è ovviamente l'ultima Olimpiade, a Tokyo, l'argomento principe. Con una considerazione interessante su Katie Ledecky che, sottolinea la la Divina, farà i 200 m stile libero "Solo se sarà in super forma. Se deve scegliere, di sicuro quella è la gara che molla".

Ma le Olimpiadi sono anche terreno fertile per la politica, le accuse, le proteste sul podio "La prese di posizione recenti, almeno in piscina, sono state scatenate dal doping - ovvio riferimento al caso Horton-Sun degli scorsi Mondiali(leggi qui) - lo capisco, ma non credo sia giusto puntare il dito in assenza di sentenze" le sagge parole della Divina. Lo stesso Detti, in quell'occasione, rifiutò di unirsi alla protesta di Horton per la medesima ragione. Sibillina la chiusura della Divina sull'argomento doping "Purtroppo anche io ho visto cose strane negli anni" ma a richiesta di circostanziare, la Divina preferisce il silenzio.

moscarella@swimbiz.it