Phelps l’immortale e Maya, ventitreenne che si ritira alla prima Olimpiade

Maya DiRado, ventitreenne mistista americana

Copyright foto: Getty Images

Cresce in semifinale, Michael Phelps, e ai Trials olimpici di Omaha vola in 1’55”17 nei 200 farfalla, dando oltre un secondo al classe ’94 Pace Clark (1’56”27). Ha 30 anni, il Cannibale  di Baltimora, ma coach Bob Bowman aveva avvisato “In allenamento va più forte di prima” e più di recente Fernando Canales a Swimbiz.it(leggi qui) “Punta sempre al cielo”. Domani dovrà crescere ancora per conquistare la sua 5° Olimpiade, un immortale anche dopo un primo, breve, ritiro, grazie a caratteristiche innate e forse uniche nella storia del nuoto “E un atteggiamento che lo porta a spingere al massimo in un dettaglio in allenamento, se sa che potrà dargli anche solo un 1% in più in gara” ha spiegato il suo personal trainer a Business Insider.

Matt Grevers (Getty) non si qualifica. Murphy a fine gara "Il mio pensiero va a lui, siamo entrambi di Chicago ed è stato un modello per me"
Matt Grevers (Getty) non si qualifica. Murphy a fine gara "Il mio pensiero va a lui. E' stato un modello per me"

E la sua storia di eterno vede all’opposto la ventitreenne Maya DiRado, reduce da un’ottima stagione di college e pronta ad essere protagonista già alla sua prima Olimpiade: nei 400 misti (4’33”73) e, con tutta probabilità, nei 200. Eppure, ha ottenuto la qualifica olimpica con le lacrime agli occhi, perché dopo i Giochi mollerà tutto per andare ad Atlanta e, già sposata, lavorare come business analyst. Non un ritiro precoce, ma una scelta matura dettata, come fu nel caso del tedesco Markus Deibler(leggi qui), da una nazione che offre maggiori possibilità lavorative – anche ai giovani – rispetto ad altri Paesi. Nei 200 stile donne, Katie Ledecky vola in finale in 1’55”10 e domani sparerà tutto in acqua per rispondere al maestoso 1’54”55 nuotato da Federica Pellegrini a Roma. E un’altra vittima illustre, dopo Ryan Lochte nei 400 misti (che però conquista un posto in staffetta nella 4x200 stile): il colosso Matt Grevers, neo papà e campione olimpico dei 100 dorso, non si qualifica (52”76) per Rio, battuto dal ventenne Ryan Murphy (52”26) e da un altro trentenne terribile, David Plummer (52”28).

moscarella@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram