Rossetto “Fulvio, quanto manchi all’Italia”

fulv1.jpg

Copyright foto: Swimbiz

Maestro, amico, compagno di viaggio agli antipodi del mondo, dal Messico al Tibet. Ma in quella notte di novembre, nel 2012, Claudio Rossetto – ieri coach di Magnini, oggi di Dotto - sente di aver perso anche “Un fratello. Poteva sembrare burbero, ma era allegro, aveva il senso della moralità e delle regole. Ed era colto, con lui potevi parlare di qualsiasi cosa”. La magia dei Giochi di Pechino 2008 vissuti insieme (foto), e quelle qualità come uomo e allenatore - Una competenza infinita, una voglia di stare a bordo vasca come nessuno. Trasmetteva agli altri la sua passione – che ora lasciano un vuoto difficile da colmare “Se n’è andato troppo presto, a 56 anni; poteva ancora dare tantissimo al nuoto. L’Italia sente la mancanza di una persona della sua levatura”. L’Italia e, nello specifico, il Piemonte “La sua morte, Corrado Rosso che se n'è andato, io che ho cambiato società…il ricambio generazionale è stato troppo rapido – e Rossetto, ancora legato alla Rari Nantes Torino in cui è cresciuto, è – sicuro che prima o poi saprà tornare ai livelli di un tempo”.
Domani, domenica 26 gennaio, Rari Nantes Torino organizza il ‘Fulvio Day’. Info e dettagli nel Pdf allegato.
moscarella@swimbiz.it

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram