Ruffini conferma “Rio? Abbiamo gareggiato in posti peggiori”

Il commento di Swimbiz: In un'intervista, l'azzurro conferma che i fondisti non sono nuovi a gareggiare in acque inquinate.

Copyright foto: Federico Vanelli

La Baia di Guanabara di Rio e la spiaggia di Copacabana (Google)
La Baia di Guanabara di Rio e la spiaggia di Copacabana (Google)

Mari inquinati, l'anno scorso nientemeno che Federica Pellegrini fu testimonial di una campagna contro le cicche di sigarette gettate sulle spiagge italiane(leggi qui). Non fa certo eccezione Copacabana, da dove partiranno le gare olimpiche di nuoto in acque libere. Ma, come spiegato più volte dall'Italnuoto - dal 2015 a oggi è stata tre volte ad allenarsi e gareggiare sul tracciato olimpico - l'inquinamento delle acque nella turistica spiaggia di Rio non è paragonabile alla distante baia di Guanabara (sede delle gare di vela), come lecito aspettarsi da una zona portuale. Soprattutto, come ricordato quattro giorni fa su Swimbiz.it(leggi qui), i fondisti sono abituati a dover nuotare ovunque in acque inquinate "Queste sono le condizioni e bisognerà gareggiare lo stesso. Aggiungo che abbiamo gareggiato in posti peggiori" commenta oggi Simone Ruffini alla Gazzetta dello Sport, mentre il tecnico Emanuele Sacchi parla addirittura di "Classica" antifitica e antiepatite, come a dire che ormai sono abituati a tutto. E per Zika? Gli esperti danno ormai per accertato che il virus sia trasmesso dalla puntura di un tipo particolare delle zanzare Aedes Aegipty. Pertanto, la precauzione è un'adeguata scorta di repellente. E una nota marca di spray anti-zanzare, con base negli Stati Uniti, è recentemente diventata partner delle Olimpiadi di Rio.

Inoltre, tra incognite e problemi, il fondo a Rio regalerà anche aspetti positivi. Sarà una gara di vere acque libere, non in quei 'piscinoni all'aria aperta', come ribattezzati d Swimbiz.it(leggi qui), in cui sempre più spesso è rinchiuso. A danno di certe sue specificità: strategie, onde, correnti giuste da prendere o da evitare, temperatura dell'acqua e, perché no, incontri ravvicinati del terzo tipo.

moscarella@swimbiz.it