Scrutando il fondo: azzurri giù dal podio a Doha. E a Tokyo occhio ai tedeschi

Copyright foto: Deepbluemedia

Prima tappa delle World Series a Doha, in Qatar, con una nutrita rappresentanza italiana in acqua per testarsi in vista dell'anno olimpico. E test vero è stato, con gli azzurri fuori dal podio, ma in quattro nella top ten. Quinto Gregorio Paltrinieri, subito prima di Marcello Guidi, e sesta Rachele Bruni, con Arianna Bridi quarta a un secondo dal podio. Più staccati tutti gli altri, incluso Mario Sanzullo, già qualificato per i Giochi come Bruni e Paltrinieri.

Florian Wellbrock (Getty Images)

La Germania ha fatto la parte del... Leonie Beck, oro nella gara femminile, e il duo Muffels-Wellbrock sul podio tra i maschi dietro al solito francese Marc-Antoine Olivier. C'è tanta curiosità per quel che i tedeschi sapranno fare a Tokyo 2020, in vasca e in mare. Anni fa Enrico Maria Tricarico, manager brillante ed ex responsabile dell'Europa Centrale e Meridionale per Arena, spiegava a Swimbiz.it come i teutonici stessero optando per un paziente lavoro sui vivai per far crescere talenti in vista dei Giochi 2020 e 2024(leggi qui). In modo simile a quanto visto nel calcio, con la generazione di Lothar Matthaus messa da parte per far posto a quei giovanissimi che, nel 2014, vinsero i Mondiali.

Agli ultimi Europei la Germania ha collezionato 8 medaglie in vasca, incluso l'oro della 4x200 maschile, e tre in acque libere. Ai Mondiali 2019, ha dominato il medagliere del fondo e vinto l'oro nei 1500 m stile libero con Florian Wellbrock e, nella gara femminile, l'argento con Sarah Kohler. I prossimi mesi diranno se saranno state solo eccezioni, dopo anni di magra, o l'inizio di qualcosa simile a Brasile-Germania 1-7...

moscarella@swimbiz.it