Silenzio, parla Hosszu “E’ sicuro, avanti con Shane”. Ma sugli Europei “Non sono molto stimolanti”

Copyright foto: Getty Images

Katinka Hosszu e Shane Tusup

Et voilà, “affaire” di stagione servito. Esaurita l’epoca del Magnini-Pellegrini che, non si stancava mai di ripeterlo il Direttore di Swimbiz.it Christian Zicche, non era mero gossip ma anche discorso sportivo, in caso di separazione tecnica, si rilancia con l’Ungheria formato Hosszu-Tusup. Della questione sentimentale non trattiamo, perché un matrimonio è sempre materia delicata. Ma sul lato sportivo, stavolta a parlare è la stessa Katinka Hosszu, caterpillar acquatica e macchina da ori. “E’ sicuro, continueremo a lavorare insieme a Shane – il marito-allenatore-manager Tusupe di certo modificheremo il processo di preparazione. Abbiamo anche discusso la strategia di gara e crediamo che i campionati nazionali sarebbero troppo”.

Sono le parole della campionessa olimpica, in un’intervista pubblicata da Mol Csapat sabato scorso, poi ripresa dall’agenzia di stampa Magyar Távirati Iroda e altri media ungheresi. Niente campionati nazionali e probabilmente niente Europei di Glasgow, a leggere le sue parole“Per fortuna, tutto questo è successo in un anno relativamente libero da grandi eventi. Ho 13 ori europei, cosa cambierebbe uno in più? Non è molto stimolante”. E’ una Hosszu a tratti inedita che, in antitesi al personaggio che si è cucita addosso, l’instancabile ‘Iron Lady’, chiede ora a se’ stessa una lunga pausa, in attesa di ritrovare motivazioni, e ammette di non sapere quando tornerà a gareggiare. E annuncia che sarà meno social “Finché non avrò le idee più chiare su di me".

moscarella@swimbiz.it