Tradizione lunga: Italia dominante nella UltraMarathon

Il commento di Swimbiz: Gare che forse hanno perso peso dopo l’ascesa della 10 km, ma che per gli azzurri conservano intatto il loro fascino.

Copyright foto: Deepbluemedia

Quando parli con ex fondisti, da Stefano Rubaudo a Fabrizio Pescatori, ricordano con nostalgia i tempi in cui le distanze più lunghe, 25 km in primis, erano le più ambite e competitive delle acque libere. Ma con l'approdo alle Olimpiadi, la 10 km è diventata regina - anche più semplice da gestire per tv e spettatori - e i top swimmers non solo del fondo, ma anche della corsia, hanno iniziato a buttarsi sulla distanza olimpica.

Eppure, il fascino 'vintage' delle gare più lunghe rimane intatto per gli azzurri, che non le snobbano e anzi nelle prime due tappe della Fina Ultra Marathon in Argentina sbancano il medagliere: un Oro e un Argento per Barbara Pozzobon e un podio maschile tutto italiano con Francesco Ghettini, Simone Ercoli ed Edoardo Stochino. Il resto se lo prendono i padroni di casa, pionieri delle acque libere(leggi qui), ma a leggere nomi come Ivo Cassini o Cecilia Biagioli, anche lì c'è un po' d'Italia.

moscarella@swimbiz.it