A tutto Moro “Paltrinieri un fenomeno. Il metodo Castagnetti resta il migliore”

Copyright foto: Rai Sport

Torna ai microfoni Rai di Elisabetta Caporale, il tecnico federale Stefano Morini. Emozionato, come tutti, dopo i 1500 m stile libero visti ieri "Gli ho solo ricordato che di nome fa Gregorio Paltrinieri e cos'è in grado di fare. Ieri ha veramente fatto il fenomeno(leggi qui), soprattutto per la capacità di gestirsi nella prima parte di gara". Ma cos'ha di diverso? chiede l'ex bronzo olimpico Luca Sacchi "Un grande allenatore" risponde il Moro, ridendo di gusto, dando poi giusto merito sia alle qualità umane dell'azzurro, sia al Centro Federale di Ostia. E non manca un tributo al suo primo maestro "Per me il metodo Castagnetti resta il migliore: tre cicli con tre picchi. Con la possibilità di far risposare i ragazzi dopo ogni ciclo, di aggiustare dove serva e di ripartire ogni volta per andare più forte di prima".

Altro giorno, altra gara e altro protagonista atteso, Gabriele Detti e un possibile record italiano nei 200 stile. Quale sarà la parte di gara più critica? domanda in telecronaca Tommaso Mecarozzi "I secondi 50, dove non dovrà andare a razzo, ma in progressione - comunque vada, un campionato eccezionale, ricorda 'Moro' - il ranking mondiale? non ci bado molto, anche perché noi siamo i primi a gareggiare". Un Detti non al massimo fisicamente, tanto che ieri ha dovuto rinunciare proprio a quei 1500 "Greg? E' andato forte forte, mi sarebbe piaciuto stargli spalla a spalla".

moscarella@swimbiz.it