Da un lato all’altro dell’Oceano, torna l’appello: #‎MixedDuets2020Olympics‬

Il commento di Swimbiz: Bill May e Giorgio Minisini chiedono nuovamente che i sincronetti siano ammessi alle Olimpiadi.

Copyright foto: Swimbiz.it

Le Olimpiadi di Rio de Janeiro, si avvicinano alla conclusione, ma c’è chi già guarda ai prossimi quattro anni. Domani torna in vasca il nuoto sincronizzato, con l’Italia impegnata nella prova a squadre, mentre non ha potuto esserci Giorgio Minisini. Perché il regolamento vieta agli uomini di gareggiare in questa disciplina alle Olimpiadi. E l’azzurro, come il febbraio scorso a Swimbiz.it(leggi qui) e come sempre ha fattao in questi anni, raccoglie su Facebook l’appello di chi per primo lo ispirò, quel Bill May pioniere del synchro al maschile(leggi qui). “Ogni sport olimpico è oggi aperto alle donne  e la discriminazione di genere, in entrambe la direzioni, non è più tollerata”. Negli Stati Uniti e nel Belpaese, in inglese o in italiano, il messaggio è unico “Per favore supportate il duo misto, affinché diventi un evento olimpico ufficiale, condividendo - via social network - la vostra foto preferita di un Duo Misto con l’hastag #‎MixedDuets2020Olympics.

moscarella@swimbiz.it