Un mostro marino a Barcellona

oussa.jpg

Copyright foto: Swimbiz

Che lo si chiami mostro marino o guerriero saraceno, il campione è sempre lui. In una gara a elastico, Oussama Mellouli alterna fughe solitarie a momenti di 'riposo' nella 5 km maschile, fino alla vittoria finale: 53'30"4 davanti al canadese Hedlin (53'31"6) e al tedesco Lurz (53'32"2). Il tunisino non farà i 10 km, ma ci sarà nei 1500 stile libero. Gli Azzurri Federico Vanelli (16° in 53'42"3) e Luca Ferretti (24° in 53'47"1) escono malconci dalla competizione, più per i colpi ricevuti che per il risultato. "Gara dura, ho preso un colpo sotto l'arcata sopracigliare. Non sono mai entrato in gara...è andata così" dice Ferretti. Più soddisfatto Vanelli, al debutto ai Mondiali "Bene come esordio, a metà gara ci credevo. Ho iniziato a fare strategie, ma sono rimasto imbottigliato nella tonnara finale; preferisco meno boe, acque più libere e temperature meno 'piatte' ". 
 
moscarella@swimbiz.it

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on telegram
Telegram