Un selfie alla rana

Il commento di Swimbiz: Uno stile un po' "pazzo", adatto a dare spettacolo. Attirando pubblico e aziende...

Copyright foto: Swimbiz

E' lo stile più particolare, a tratti imprevedibile, del nuoto in vasca. E tra i più apprezzati e seguiti dai fan acquatici: in Sudafrica, la fama di Van Der Burgh è seconda solo a quella dell'anti-Phelps Chad Le Clos; è terreno privilegiato per epiche sfide (si veda ai Mondiali di Barcellona Meilutyte-Efimova); se poi si aggiunge che sforna icone sexy, al femminile e al maschile, il quadro è completo. Ne testimonia l'accresciuta audience anche l'interesse dei grandi marchi di swimwear, come Arena che annuncia il britannico Adam Peaty, fresco di oro ai Giochi del Commonwealth di Glasgow. O la coppia Boneswimmer-Vadox con Arianna Castiglioni, ultima di una ranistica scuola che trova in Italia terreno fertile. Stamattina primo tempo di qualifica alle semifinali e primato italiano in tessuto nei 100 rana a Berlino (1'07"5), con De Ascentis a farle compagnia (16° 1'09"19).
 
moscarella@swimbiz.it