Una piscina in Colorado: quando si nuota dove la terra trema

Il commento di Swimbiz: Quando i rischi sismici aumentano (anche a causa dell'intervento dell'uomo) anche le piscine vanno realizzate con criteri antisismici.

Copyright foto: myrtha pools

Nel 2011, il Colorado fu colpito da un terremoto di rara violenza e intensità, almeno per gli standard dello Stato americano. “In Colorado i micro movimenti del terreno possono creare grossi problemi” ha spiegato George Heidinger, proprietario e allenatore della Pikes Peak Athletics di Colorado Springs. Di recente, la società sportiva si è dotata di una piscina interrata, coperta e a 10 corsie, di ultima generazione – l’ha realizzata il fornitore ufficiale della Fina, l’italiana Myrtha Pools - e in acciaio inox In grado di assorbire meglio questi assestamenti anche a lungo termine, a differenza di piscine costruite in calcestruzzo”.

Oggi, purtroppo, i rischi di scosse in Colorado si sono moltiplicati, poiché ai normali movimenti del terreno si aggiungono le continue, violente fratturazioni idrauliche (meglio note come fracking) provocate dall’uomo per arrivare a giacimenti di petrolio una volta considerati irraggiungibili. Bisogna pertanto adeguarsi, anche nella costruzione degli impianti sportivi.

moscarella@swimbiz.it