Europei Roma 2022: Al Capidoglio la presentazione ufficiale dell’evento

Copyright foto: Foto di Giorgio Scala/DBM

Ci siamo! L'evento dell'estate 2022 è oramai alle porte e oggi a Roma si sono spalancate le porte verso la 36° edizione dei Campionati Europei di nuoto, nuoto in acque libere, nuoto sincronizzato, tuffi e tuffi dalle grandi altezze che si svolgeranno nella Capitale  in dall'11 al 21 agosto, seguiti a ruota dagli Europei Master in programma  dal 24 agosto al 4 settembre.

Nella sala della Protomoteca in Campidoglio alla presenza del padrone di casa e Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli erano riuniti il Sindaco di Roma Capitale Roberto Gualtieri, il Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega allo sport Valentina Vezzali, il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il Presidente e Amministratore delegato di Sport e Salute Vito Cozzoli e i campioni del mondo Gregorio Paltrinieri, Lucrezia Ruggiero e Giorgio Minisini, con moderatore l'ambassador della FIN Massimiliano Rosolino.

Bellissime le medaglie che saranno in palio, in totale 231 per gli oltre 1500 atleti che saranno presenti in rappresentanza di 50 nazioni, medaglie che hanno inciso davanti un disegno che cambia a seconda della disciplina; dietro il Colosseo, emblema della Capitale d’Italia e Stadio che fu di Gladiatori e naumachie, abbracciato da una goccia d’acqua.

 

Un emozionato e raggiante Paolo Barelli che ha dichiarato "Un saluto e un ringraziamento a tutte le autorità presenti che hanno sostenuto nel migliore dei modi gli Europei fin dai primi passi. Un grazie particolare voglio rivolgerlo agli sponsor perché per realizzare manifestazioni del genere è fondamentale e vitale avere il loro supporto. Il campionato europeo si svolge in un momento delicato per ciò che sta succedendo nel mondo e nel Paese. Il mio pensiero non può quindi che andare ai tecnici, ai dirigenti delle società per quello che stanno facendo in questo momento, soprattutto al cospetto di due gravi crisi: il Covid e i costi aumentati dell'energia. I nostri campioni si poggiano sui sacrifici di queste società cui vanno i nostri ringraziamenti, per gli sforzi che stanno compiendo. Sarà un evento molto impegnativo che segue un magnifico campionato del mondo. I risultati degli azzurri a Budapest sono stati frutto degli sforzi compiuti dalle società e un volano per la promozione dei campionati europei e per la diffusione delle discipline acquatiche. Credo che sarà una edizione entusiasmante, con una impiantistica di eccezione: il Foro Italico sarà la città del nuoto. Ci aspettiamo il tutto esaurito. Le tribune e lo stadio del nuoto sono portati a circa 8mila posti, abbiamo la possibilità nell'ultima settimana di valutare se aggiungerne ancora; vogliamo raggiungere il tetto dei 100mila biglietti in tutta la manifestazione. La manifestazione sarà coperta da Rai e Sky, che li renderanno fruibili a milioni di spettatori. Dal 24 agosto al 4 settembre toccherà ai Master che sono convinto avranno un grande impatto. Sarà insomma uno spettacolo garantito coi migliori atleti d'Europa e i campioni azzurri. È un po' di tempo che non riusciamo più a prevedere il numero di medaglie alla vigilia degli eventi, nel senso che i nostri atleti ci sorprendono sempre. Sono sicuro che arriveranno degli ottimi risultati sia dei nostri ragazzi sia a livello internazionale".

Non da meno l'emozione nelle parole del Sindaco di Roma Capitale Roberto Gualtieri. "E' una gioia straordinaria essere arrivati a questo punto. E' stato svolto un lavoro straordinario di squadra. Il nuoto e gli sport acquatici sono da sempre importantissimi per questa città: si torna a Roma, dopo i successi straordinari di Budapest, con grande entusiasmo. Siamo contenti da partner istituzionali e promotori di questi Europei perché sono importanti per lo sport, per l'eccellenza della squadra azzurra, e per valorizzare anche l'inclusione e la socialità. Sono Europei importanti per Roma e per il Lazio che avranno ulteriore visibilità, considerati i numeri straordinari che sono previsti: Roma vuole rinascere e rivalorizzarsi. E poi sarà un evento che aiuterà anche a rinsaldare, come dimostrato anche dal video ufficiale, l'amicizia tra i popoli".

La Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Valentina Vezzali è abituata da grande atleta vincente del recente passato a queste emozioni  "Da sportiva e da autorità di governo delegata allo Sport voglio complimentarmi con la Federazione Italiana Nuoto per i risultati ottenuti ai Mondiali di Budapest, con il terzo posto nel medagliere, che ci permettono di guardare con fiducia agli Europei. Risultati che ripagano i sacrifici dei nostri atleti, dei loro allenatori e dei dirigenti. La città di Roma sarà ancora una volta capitale dello Sport. I campionati europei rappresenteranno un volano per il turismo, per la crescita economica e avvicineranno ulteriormente le persone e i giovani allo sport. Un grande appuntamento che esalterà anche le bellezze di Roma: artistiche, culturali ed enogastronomiche".

Anche il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti trasuda felicità nelle sue affermazioni "Sono sempre molto contento quando inizia un'avventura del genere. Questa volta ancor di più perché con il presidente Barelli ne parlavamo nel 2019 e abbiamo stipulato il protocollo nel 2020 in piena pandemia: la fiducia riposta, nonostante le criticità di quel momento, è stata ben ripagata. Gli Europei serviranno per abbracciare ed esaltare tutti i campioni italiani; saranno un fenomeno di promozione straordinaria per Roma. Questo evento servirà per ribadire la centralità e la bellezza di una città straordinaria; in accordo con la federazione sosteniamo l'impiantistica che rimarrà viva e fruibile anche dopo gli Europei. Sono previsti progetti e investimenti in tutta la Regione: penso a Pietralata, Viterbo, Civitavecchia e non solo. Lo sport è diventato ancor più centrale durante e dopo la Pandemia. Oggi, ribadisco, abbiamo fatto bene ad avere fiducia negli Europei perché abbiamo vinto noi e ha perso il virus".

In chiusura le dichiarazioni dell'amministratore delegato di Sport e Salute Vito Cozzoli. "Il fascino unico del nuoto, la grande bellezza di Roma, gli spettatori sulle tribune e collegati da ogni parte del mondo sono ingredienti unici per un evento che sarà indimenticabile. Gli europei tornano a Roma dopo 39 anni. Saranno valorizzati gli asset degli impianti. Lo scopo è anche avvicinare tante persone al nuoto, alla pratica sportiva; far arrivare tanta gente al Foro Italico perché questi Europei saranno unici. Poi c'è la squadra azzurra fortissima, che c'ha fatto sognare ai Mondiali di Budapest e continuerà a farlo anche a Roma. In bocca al lupo a tutti".

 

palazzo@swimbiz.it

 

 

 

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram