Il giorno in cui un giamaicano batté un tuffatore cinese

Copyright foto: getty images

Un sorriso d'intesa col suo allenatore, Domenico Rinaldi, e Michele Benedetti chiude un'ottima esperienza in Coppa del Mondo dei tuffi, col pass olimpico già conquistato, con un 8° posto in finale dal trampolino e superando i 400 punti. Il podio è tutto americano, col messicano (sotto bandiera Fina) Pacheco trionfatore e l'americano Ipsen a lasciare il francese Matthieu Rosset fuori dal podio. Ma a strappare gli applausi del pubblico è l'argento di Yona Roshen Knight-Wisdom, che ieri ha conquistato la prima, storica presenza della Giamaica su un trampolino olimpico. E fa effetto vedere l'unico cinese in gara, He Chao, al sesto posto. Oggi Knight-Wisdom ha anche dimostrato di non soffrire la pressione, una sfinge per l'intera serie di tuffi.  Per un Paese che, dopo essersi lanciato nel bob, aver sfidato la velocità americana nell'atletica e portato la ranista Alia Atkinson in cima al mondo, continua a stupire e si scopre anche terra di tuffatori.
 
moscarella@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram