Il ritorno del Re! Quando la passione non ha età!

In questi strani campionati italiani assoluti con gli spalti semivuoti, le gare senza pubblico e le gradinate riempite solo da atleti e tecnici, fa quasi strano sentire applausi e incitamenti. Oggi è successo per il ritorno di Filippo Magnini. Tutto lo stadio del nuoto lo ha accolto con affetto quando è salito sul blocco per i 100 stile (nono tempo con 49.94), la sua gara. Da sempre.
Il re Magno è tornato. Si è rituffato nel suo mondo. Era uscito dall’acqua due anni fa per emergere nella corsia della vita. Ma l’amore per il nuoto lo ha risucchiato insieme alla voglia di riscatto dopo i guai giudiziari risolti a febbraio con la cancellazione del tribunale antidoping della squalifica di quattro anni.
Magnini si è ributtato in acqua per affogare tutti i tormenti e dimostrare di poter virare verso una rivalsa. «Sarei tornato anche a 50 anni – dice subito dopo la gara –. Hanno voluto farmi fuori, ma io per carattere non potevo assecondare questo tentativo. Il mio obiettivo, con il ritorno alle gare, è dare un segnale forte». Che ce la si può fare anche se non si hanno più 20 anni. L’età della nuova generazione «arrembante», come Magnini la definisce, quella dei Ceccon e della Pilato. «Un po’ li invidio – ammette – perché a quell’età non si ha paura di niente». Detto da lui sembra un ossimoro. Perché pare difficile che possa avere paura uno che torna in gara a 38 anni, a tre dal ritiro.
Magnini ha il fiatone che non passa in zona mista, ma ci scherza: «Quello l’abbiamo tutti dopo la gara, anche se ovviamente le energie alla mia età sono diverse». Come le priorità. Dice che per lui sono Giorgia e la piccola Mia, le donne della sua vita. La loro mancanza si sente (anche se è via da casa da «appena» un giorno e mezzo) e quando ne parla lo sguardo e il tono della voce cambiano. Ma gli è mancato anche il cloro, una mancanza che lascia un solco difficilmente colmabile e che è stato bello ritrovare, per tornare a gareggiare. E per riprendersi quello che gli era stato ingiustamente sottratto. Sotto lo sguardo delle sue donne.

Patrizia Nettis per Swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram