Italnuoto da favola alle Paralimpiadi: Trimi oro nei 50 stile S4. Ghiretti e Terzi argento sul podio di Tokyo

Non è stata solo la giornata di Simone Barlaam, principe d’oro a cinque cerchi dei 50 stile libero S9 con record paralimpico a Toky 2020. Un siluro di 24”71 sulla piastra finale. Ma anche degli altri azzurri. Se il nuovo campione paralimpico era atteso sul primo gradino, la stessa cosa era per Arjola Trimi, che a Rio 2016, aveva conquistato l’argento nei 50 metri stile libero S4. Era stata l’unica medaglia per lei in Brasile, con il sogno di rifarsi in Giappone. Intanto l’azzurra sale sul primo gradino e si laurea campionessa a cinque cerchi nei 50 dorso S4 con il tempo di 51"34. Già pluricampionessa mondiale ed europea, con tanti record in palmares. E’ la favola corale di una Nazionale di nuoto che alle Paralimpiadi oggi raccoglie 20 medaglie, la buona percentuale di torta dell’intera manifestazione azzurra.

Insieme ad Arjola, festeggiano il titolo anche Xenia Francesca Palazzo, già argento nei 200 misti, Vittoria Bianco, Giulia Terzi, alla sua seconda medaglia di giornata e Alessia Scortechini. Le azzurre volano verso il primo gradino e siglano un buon tempo sul finale di 4:24.85. La squadra delle regine dei 50 stile ha chiuso una giornata straordinaria in cui hanno firmato la storia anche Giulia Ghiretti e Giulia Terzi. Entrambe hanno vinto l’argento, la prima nei 400 metri stile libero S7 in 5'06"32 e la seconda nei 100 metri rana SB4 con il tempo di 1'50"36. Dopo di loro l’immensa Carlotta Gilli ha messo al collo la sua quarta medaglia alle Paralimpiadi d’esordio. Per lei è arrivato il bronzo nei 50 stile libero S13. Wonder Gilli ha conquistato il terzo posto in 27"07.

giorgi@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram