Il Torpedone acquatico e i dubbi del cuore di Greg

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche
Il commento del direttore:
Finisce l'assoluto e via tutti di corsa in auto verso la corta del Campionato a squadre. Con Greg Paltrinieri che ritorna in acqua, in contemporanea a Carpi-Juventus.

Copyright foto: Swimbiz.it

Ca va sans dire. Più si nuota e meglio si sta, se poi gareggi sotto le feste è pure un buon test per andare di lunga. La vasca è sempre assoluta, quella del panettone acquatico, finisce di lunga e va di corta, ormai un tormentone negli ultimi anni. Un po’ come le marcie, da scalare in acqua e non solo. Il torpedone acquatico si è rimesso in moto, maratona natatoria che in meno di ventiquattro ore ribalza tutti dalla Riviera adriatica alle “regionali” del campionato a squadre. Monti in macchina e di corsa, ognuno a casa sua, o almeno a casa della società di appartenenza, e via di nuoto ancora. Vasca corta, punteggio da raggiungere, e divertimento assicurato. Gli Anieni a Roma, con la premiere di Filippo Magnini come neo capitano dei Capitolini, e la sua dolce metà Federica Pellegrini che scende in acqua al centro Federale di Pietralata. A Carpi si rivede Gregorio Paltrinieri, che di famiglia alla Coopernuoto si sbraccerà per tutto il giorno su e giù a far punti per la società sua e di papà. Mentre a qualche chilometro di distanza, all’ora di pranzo, il Carpi affronta la Juventus. Non ci potrà essere in tribuna il gold carpigiano. Un bel dubbio amletico per il re dei 1500, con il cuore calcistico impegnato in bianconero, ma poi con il Carpi come la mettiamo? Meglio nuotare, almeno per domani viva il campionato a squadre.
 
zicche@swimbiz.it
 
Gregorio Paltrinieri ha ritwittato l'editoriale.