Phelps interacquatico, e un tubo di nuoto

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche
Il commento del direttore:
Sbatti il mostro “acquatico” in prima pagina, e scopri che a Doha la Rai non sarà presente

“E’ stato lui a venirmi dietro”, così Taylor Lianne, 41 anni, di “professione” la fidanzata di Michael Phelps, esplosiva intervista su un giornale americano. Già, si sono (dice lei) conosciuti su Tinder, come va di moda e di normalità in questi periodi dove le liason nascono soprattutto nella rete, che poi lo diventa veramente tale quando ti ci trovi aggrovigliato dentro. Niente di male sarebbe se la Taylor in questione non desse una prouderie estrema per il suo essere stata intersex, tra i due sessi, un passato al maschile: apriti cielo, meglio acque visto il grandissimo Phelps che non commenta, non smentisce, impegnato nelle settimane di riabilitazione post eccesso, velocità e guida in ebrezza. Ma è quantomeno singolare che sbatti il mostro in prima pagina si propongano situazioni che sembrano create ad arte. A pensar male si fa male (e peccato alle volte) ma certo le dinamiche amorose con confessioni sembrano quasi un watergate del gossip. Sia chiaro che ognuno si può innamorare o frequentare di chichessia senza giudizi di merito, ma è altresì strano che la signorina in questione rimarchi e si conceda alla stampa in un periodo della vita di Michael, come dire, che imporrebbe una attenzione al caso e una discrezione maggiore. L’amore, se è amore, dovrebbe superare anche queste barriere. Se poi è altro.. lo scopriremo. Sembra invece certo che la Rai seguirà i mondiali prossimi di Doha in tubo, come tecnicamente si dice , quando il commento del telecronista e tecnico non è direttamente sul posto. Un rumor che sinceramente non ci rende felici, anzi preoccupati. In un periodo in cui si parla di canone in bolletta, bisognerebbe aver maggior attenzione come servizio pubblico anche nello sport. Sinceramente un atteggiamento che non capiamo da parte della Rai (per dovere di cronaca ricordiamo riguarda anche Eurosport, per il nuoto), e che ovviamente non piacerà a molti abbonati che si aspettano una presenza fisica al Mondiale con i colleghi Mecarozzi e Caporale da sempre, e con bravura, il prima fila. Con Luca Sacchi via tubo, non è quello che ci saremmo aspettati dall’azienda di viale Mazzini.
 
zicche@swimbiz.it