Sfondi tempestosi

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche
Il commento del direttore:
Luca M oltre l'intervista, e basta una pubblicità alle spalle a scatenare un circuito di malpensanti flash back...

Quando la comunicazione è a tutti i costi, il risultato pare scontato. E magari sviluppa imprevedibilità da microfono aperto. Cosa vi ha fatto il povero Luca Marin, cosa avevate in mente quando gli avete fornito il microfono per le domande fuori campo? Povero Luca che al Città di Roma, meeting familistico con ambizioni future alte, si vede costretto a un backdrop, che poi è il telo esposto dietro di lui, dove regna lo sponsor e dove campeggia, manco farlo apposta, un enorme Pippoturbo Filippo Magnini che sceglie, appunto, come si evince da foto. Sì il Magno, che proprio nella storia passata del Marin fuori vasca non verrà certo ricordato come uno da foto di famiglia. Ve la ricordate quella storia di intrecci amorosi, crocevia di chilometri di fiumi gossippari? Tutto passa, certo l’acqua lava via anche quei perversoni giornalisti che quattro anni fa (era il 2011) manco si ricordavano delle mirabolanti gesta mististe del nostro, costretto a fare i conti con l’incubo peggiore - si fa per dire, ovviamente - per un uomo. Luca ha fatto finta di nulla, immaginiamo noi, perché alla fine essere superiori a ogni situazione è la dote che contraddistingue il campione che aleggia da sempre in Marin. Per la cronaca Luca aveva il torcicollo, guardare avanti e fisso in camera è la scelta migliore. E scusate se ancora una volta un comunicatore alle prime armi ha fatto imprevedibilmente  centro ,oltre l’istituzionale dell’intervista…
 
 
zicche@swimbiz.it