Tra sogni e realtà , il futuro è già qui

Il punto acquatico - L'editoriale del direttore Christian Zicche

Il commento del direttore:  I tre moschettieri del mezzofondo azzurro, tra sogni ( pochi) e tanta realtà..

Copyright foto: swimbiz

Di ritorno da Riccione ho fatto un bel sogno.Sarà che tra una piastra e l'altra mi sono divertito e rilassato,nel dream c'era Mitch, il D'Arrigo americano di Roma, che nuotava e si allenava a Ostia con Greg e Gabriele, Paltrinieri e Detti. Un trittico d'attacco, il futuro già presente del nuoto azzurro al maschile. Un dream team, appunto. Roba grossa se parametrata ai prossimi due anni. I gemelli della bracciata hanno aperto il gas, Detti europeo ( di record) la dice già lunga sul valore di coppia attualizzato , che con lo splendido Paltrinieri pone fiche su fiche a livello internazionale. Chiedere al Moro per ragguagli, ma è giusto essere con un occhio lungo e sereno sui nostri giovani. Il Mitch, che di nome fa Andrea e D'Arrigo di cognome italiano, è il terzo fresh man su cui fare previsioni. Lasciate stare per un momento il crono dei 200 vinti a Riccione e considerate in prospettiva. Qui è arrivato un pò fuso, l'Ammericano de noantri. Viaggio e studio -a Riccione si è sparato due esami via internet-hotel con la Florida- e ha ancora tanta esperienza da macinare. Per quella occorre non solo nuotare-nuotare ma anche gareggiare-gareggiare. I 400 sono stati un disastro di batteria? Chiusa na porta si apre un portone: spesso è così , e il nostro si è subito indirizzato al meglio. Nuota stilisticamente che è una meraviglia, i margini bè, se Troy che è il suo coach in Usa ci ha messo faccia e dito.. Il sogno mio rimarrà tale , ma si limita alll'allenamento comune ad Ostia centro Federale. La realtà è ancora più bella, perchè il futuro è già qui
 
zicche@swimbiz.it

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram