Ufficiale! Roma ospiterà gli Europei di nuoto 2022

Copyright foto: Deepbluemedia

Per le concorrenti non c'era francamente partita, sia per l'appeal che Roma ancora ha nel mondo, sia per la forza di una candidatura promossa dallo stesso Presidente Len (e Fin), Paolo Barelli. E questo, Swimbiz.it lo diceva sin dall'annuncio della candidatura della Capitale agli Europei di nuoto 2022, il 19 giugno scorso:

 

Dopo la felice visita della delegazione Len di settimana scorsa(leggi qui), mancava solo l'ufficialità, che oggi finalmente arriva: Roma torna a ospitare l'Europeo, dopo il 1983, e un grande evento acquatico, dopo i Mondiali 2009. Proprio da quell'evento, spettacolare da punto di vista sportivo quanto infelice dal punto di vista dell'eredità impiantistica, riparte questa nuova avventura. L'impianto di Valco San Paolo vedrà finalmente la luce. E molto si giocherà sugli impianti temporanei, come Swimbiz.it, in sinergia con Radio Cusano, esplicitamente chiedeva un anno fa al Presidente Barelli (che oggi incassa anche la vittoria per l'esenzione dall'Iva per le attività didattiche sportive) in un appello per riportare gli Europei nella Capitale:

 

L'augurio è che tutte le premesse, e promesse, siano rispettate, Che sport e politica lavorino di squadra per un evento tanto memorabile quanto sostenibile. Perché ora inizia la parte più difficile. D'ora in poi la città e l'Italia avranno gli occhi del mondo addosso. E dovranno presentare la loro faccia migliore. L'Italia acquatica è forte, è sana, lo dimostra da vent'anni ed è persino riuscita a far cambiare idea, in materia di grandi eventi, al Sindaco Virginia Raggi. Può davvero creare qualcosa di unico, a livello non solo continentale, ma mondiale, anche a livello di affluenza:

 

moscarella@swimbiz.it